Attività Consulenza
SDL Sicurezza del lavoro
VIG Istituti Vigilanza
QLT Qualità
ABT Ambiente
IMM Gestione immobiliare
RAM 231 e PRIVACY
TAPA TAPA - SICUREZZA TRASPORTI
Attività Ingegneria
SEC Ingegneria Safety e Security
DLV Direzione lavori
SDC Sicurezza di cantiere
RLV Rilievi strumentali
PRG Progettazione
ATC Antincendio
FRM Formazione
Credits

CERTIFICAZIONE DI SISTEMA DI GESTIONE QUALITA'

CERTIFICAZIONE DI SISTEMA DI GESTIONE QUALITA' leggi tutto...

Ingegneria Safety e Security

 

Sui temi della Safety e della Security le aziende e la collettività chiedono risposte all'altezza per quella che viene ormai considerata una vera emergenza culturale. L’attentato a Manchester ha fatto emergere i già noti problemi di security, gli incidenti di Torino invece (avvenuti incredibilmente in assenza di attentati) hanno fatto esplodere prepotentemente la questione della safety. Non a caso il Capo della Polizia, Franco Gabrielli, con una circolare, definisce con precisione le competenze - e dunque le responsabilità - per le prossime manifestazioni pubbliche, coinvolgendo anche i privati, organizzatori dei grandi eventi dello spettacolo e dello sport riscrivendo le regole della gestione delle manifestazioni pubbliche, distinguendo tra safety (responsabilità di Comune, Vigili del fuoco, Polizia municipale, Prefettura, organizzatori), e security, compito esclusivo delle forze dell'ordine. "Il modello organizzativo delineato - scrive Gabrielli - presuppone lo scrupoloso riscontro delle garanzie di safety e security necessariamente integrate, in quanto requisiti imprescindibili di sicurezza senza i quali pertanto le manifestazioni non potranno avere luogo". In altre parole, precisa, "mai ragioni di ordine pubblico potranno consentire lo svolgimento comunque di manifestazioni che non garantiscano adeguate misure di safety". Dedichiamo questo spazio al concetto di "Progettare, realizzare organicamente e monitorare periodicamente la Safety e la Security" per stimolare il desiderio di contribuire con le proprie conoscenze alla costruzione di un modello di ambiente sempre più sicuro. L’ingegneria della security prende spunto anche dalla ISO 9001 nella revisione 2015 per approfondire un aspetto innovativo quale la valutazione del rischio finalizzata alla gestione dello stesso. La nuova ISO 9001 introduce infatti come requisito “cogente” il risk assessment quale concetto di valutazione dei rischi esteso a tutto quanto possa minare o comunque limitare la capacità produttiva. Il concetto di valutazione del rischio spazia senza misura pretendendo che l’azienda affronti e prenda in considerazione tutto ciò che impatta sulla continuità dei processi aziendali.

Abbiamo elaborato un’innovativa metodologia di RISK ASSESSMENT frutto dell’accordo quadro di collaborazione per attività di ricerca e formazione tra il Dipartimento di Economia della Seconda Università degli Studi di Napoli e la ING PROGETTI, validata da ANCCP Certification Agency, Ente di Certificazione accreditato ACCREDIA per certificare, secondo molteplici schemi in più settori EA, ovvero iscritto all’Elenco degli Organismi di Certificazione Indipendente del Ministero dell’Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza (art,4 co. 1 e 2 D.M. 115/2014).

Il risultato è:

  • una VALUTAZIONE DEI RISCHI correlata con luoghi, attrezzature, processi, finalizzata all’individuazione e all’attuazione di idonee misure e provvedimenti:

-       location e situazione geo-politico-sociale

-       tipo di attività svolta

-       situazioni determinate da sistemi, strutture ed impianti utilizzati

-       materiali e prodotti coinvolti nei processi.

  • Redazione di un PIANO DI PROGETTO (migliorie applicative in termini di strutture, tecnologie, risorse umane e gestione).
  • Certificazione da parte di Ente terzo del livello di security raggiunto in funzione di standard di riferimento;
  • Monitoraggio continuo