Attività Consulenza
SDL Sicurezza del lavoro
VIG Istituti Vigilanza
QLT Qualità
ABT Ambiente
IMM Gestione immobiliare
RAM 231 e PRIVACY
TAPA TAPA - SICUREZZA TRASPORTI
Attività Ingegneria
SEC Ingegneria Safety e Security
DLV Direzione lavori
SDC Sicurezza di cantiere
RLV Rilievi strumentali
PRG Progettazione
ATC Antincendio
FRM Formazione
Credits

CERTIFICAZIONE DI SISTEMA DI GESTIONE QUALITA'

CERTIFICAZIONE DI SISTEMA DI GESTIONE QUALITA' leggi tutto...

231 e PRIVACY

D.Lgs. 231/2001 (RESPONSABILITA' AMMINISTRATIVA)

Il D.Lgs 231/2001 estende alle persone giuridiche la responsabilità per reati commessi in Italia ed all’estero da persone fisiche che operano per la società. In aggiunta alla responsabilità della persona fisica che realizza l’eventuale fatto illecito la normativa ha introdotto la responsabilità in sede penale degli Enti per alcuni reati commessi nell'interesse o a vantaggio degli stessi, da persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell'ente o di una sua organizzazione dotata di autonomia finanziaria o funzionale e da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di uno dei soggetti sopra indicati.

A valle del D.Lgs 231/2001 " Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica" tocca alle aziende ed ai loro organi di amministrazione tutelarsi nella corretta gestione amministrativa dei rapporti interni, con fornitori e clienti.

Adempiere agli obblighi legislativi che ne derivano richiede, tra l’altro, di:

adottare, prima della commissione del fatto, modelli organizzativi e gestionali idonei a prevenire reati;

costituire un organismo dell'ente con compito di vigilare efficacemente sul funzionamento e sull'osservanza di modelli e curare il loro aggiornamento;

definire i modelli di organizzazione e gestione;

essere in grado di evitare la commissione del reato se non mediante l'elusione fraudolenta dei modelli stessi;

individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi tali reati;

individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione di reati;

prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l'attuazione delle decisioni dell'ente in relazione ai reati da prevenire;

          

           D. Lgs. 196/2003 (Privacy)

           Gestione del trattamento dei dati personali effettuato con strumenti elettronici consentito solo se sono adottate misure minime di sicurezza previste dal decreto;

           Redazione ed aggiornamento del DPS;

           Elaborazione di tecniche di cifratura o di codici identificativi per trattamenti di dati idonei sensibili (stato di salute, vita sessuale, fede religiosa e politica);

           Gestione della videosorveglianza